fbpx
Growth Hacking Copywriting di Ray Taylor by Audible
In questo testo l’autore affronta un tema di grande interesse nel mondo del marketing digitale, quello del growth hacking.
growth hacking, growth hacker, growth hacking marketing, growth hacking significato
2701
post-template-default,single,single-post,postid-2701,single-format-standard,river-core-1.0.4,river-theme-ver-2.1,ajax_updown_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive
Growth Hacking

Growth Hacking Copywriting di Ray Taylor by Audible

Ho avuto recentemente modo di ascoltare il libro “Growth hacking copywriting” di Ray Taylor, Narrato da Simone Lardieri su Audible. In questo testo l’autore affronta un tema di grande interesse nel mondo del marketing digitale, quello del growth hacking.

In questo testo Ray Taylor, oltre a spiegare al lettore il growth hacking e le tecniche principali, fornisce alla fine di ogni capitolo un esercizio che consente di mettere in pratica quanto è stato appena raccontato.

Il termine growth hacking è stato coniato da Sean Ellis, imprenditore ed angel investor. Il tema che rimane sempre di grande importanza è la conoscenza della rilevanza del contenuto, in altre parole un buon growth hacker dovrà sempre sapere quale è l’argomento che fa leva sulla sfera emotiva dei suoi lettori.

L’autore, con grande precisione e chiarezza, ci spiega che è fondamentale saper misurare i canali di marketing per creare brand awareness. Dobbiamo sapere: 1) cosa fa tornare i clienti, 2) cosa innesca e massimizza i referral (passaparola); ci dice, inoltre, che per una efficace strategia di growth hacking è fondamentale scoprire cosa rende unico il prodotto rispetto a quanto offerto dalla concorrenza.

I titoli e la loro importanza

  • In media 5 volte più persone leggono il titolo di quelle che leggono il corpo del testo.
  • Lo scopo principale del titolo e far leggere la prima frase
  • Il titolo deve essere unico, specifico, trasmettere urgenza
  • Occorre capire cosa vogliono i clienti e comunicarlo nel titolo

(Citazione di quando detto dall’autore)

Il titolo, infatti, è quanto cattura l’interesse del lettore spingendolo ad approfondire l’argomento leggendo l’articolo che segue che comunque dovrà essere scritto pensando che sarà letto sul web, dove l’occhio del lettore fa inizialmente la “scansione” dell’articolo leggendo quasi sempre solo le parti che catturano la sua attenzione. Un buon copy, quindi, non dovrà essere concentrato sul prodotto in sé ma sulle cliente e sulle sue necessità che il prodotto potrebbe risolvere. Sul web è inoltre fondamentale scrivere in modo semplice da leggere (no muri di testo) ed usando paragrafi brevi che catturino l’attenzione del lettore.

Vogliamo concludere con due citazioni di quanto detto nel libro Growth Hacking Copywriting di Ray Taylor by Audible:

Scrivi sempre quanto è necessario scrivere, ma non di più

Il marketer cerca di dare un senso di appartenenza ed esclusività che possa legare a lungo il consumatore al brand.

CLICCATE QUI per scaricare l’app Audible ed il libro Growth Hacking Copywriting di Ray Taylor

Buon ascolto!

Luana Rodriquez

No Comment

0
No Comments

Post a Comment